Confini14 – Fotografia Contemporanea

Confini14 – Fotografia Contemporanea
26 gennaio 2017 ore 18.30 | Tibaldi Arte Contemporanea | Roma
26 gennaio / 12 febbraio 2017
Il giorno 26 gennaio 2017 alle ore 18.30 inaugura a Roma, presso la Galleria Tibaldi Arte Contemporanea, Confini14 – Fotografia Contemporanea, a cura di Maurizio Chelucci, in partnership con Visiva la città dell’immagine.
Confini è una rassegna sulla fotografia contemporanea di ricerca: giunta alla 14a edizione, diretta da Maurizio Chelucci, ideata e organizzata da PhotoGallery di Firenze e MassenzioArte di Roma, si presenta come una realtà italiana unica nel suo genere.
Un network nazionale di associazioni, gallerie e curatori di conclamata attendibilità nel settore della fotografia tra i quali Clelia Belgrado (VisionQuesT), Leo Brogioni (Polifemo Fotografica), Maurizio Chelucci (MassenzioArte), Fulvio Merlak (Sala Fenice), Francesco Tei (PhotoGallery), Fausto Raschiatore (CivicoCinque), Angelo Cucchetto (Photographers.it), Antonio Armentano (L’Impronta), Auronda Scalera (Visiva), Pippo Pappalardo (Galleria Sikanie); Denis Curti (Il Fotografo), ogni anno seleziona progetti di fotografia contemporanea attraverso un bando pubblico sul portale photographers.it, prediligendo il lavoro di artisti che utilizzano il linguaggio fotografico per indagare i confini tra la fotografia e le altre forme di espressione artistica.
Gli artisti scelti per questa edizione di Confini14, e che potranno essere ammirati per un periodo di 12 mesi in una delle tante tappe che copriranno per intero l’Italia, sono: Me Nè con “Luoghi mentali”,  Franco Monari con “E poi verrà la nebbia”, Carmen Decembrino con “il velo di Maya”, Silvia Zanasi con “Ombre e menzogne” e Studio Pace10 con “album – ricordi in conserva”.
Dopo la mostra a Roma, gli altri appuntamenti di Confini14 saranno: VisionQuest Genova febbraio 2017; Sala Fenice Trieste aprile 2017; L’Impronta Cosenza giugno 2017; Biblioteca Minnicelli Rossano luglio 2017; Festival Confluenze Nibbiano agosto 2017; PhotoGallery Firenze agosto 2017; CivicoCinque Venezia settembre 2017; Galleria Sikanie Catania ottobre 2017.
Carmen Decembrino: “il velo di Maya”
“È Maya il velo ingannatore che avvolge il volto dei mortali e fa loro vedere un mondo del quale non può dirsi né che esista, né che non esista, perché rassomiglia al sogno, rassomiglia al riflesso del sole sulla sabbia, che il pellegrino da lontano scambia per acqua; o anche rassomiglia alla corda gettata a terra, che egli prende per un serpente.” C’è qualcosa di non visibile agli occhi, che l’errore porta alla luce. Il velo si dissolve grazie al glitch dato da un comportamento anomalo, che permette al fotografo di ottenere dei vantaggi non previsti. Ciò che è celato, ciò che è nascosto torna in superficie, rivelando un mondo sommerso. Lo schermo tra noi e la vera realtà, che ce la fa vedere distorta e non come essa è veramente, si dipana sino a svelarci una nuova rappresentazione delle cose.

il-velo-di-maya-01-copia

Silvia Zanasi: “Ombre e menzogne”
Il progetto si incentra sul tema dell’identità evidenziando il confronto tra tante sagome umane apparentemente diverse tra loro. Il volto e ogni dettaglio scompaiono dietro alla superficie bianca che, come una maschera, annulla la personalità di ogni individuo e ogni possibilità di rivelazione estetica, mostrando così la diversità di ogni profilo. “L’identità costruita svanisce nel momento in cui si osserva dietro le quinte: il ritratto svela ogni genere di dubbio mostrando la costruzione del personaggio e la finzione della mia prima persona. Ho deciso di utilizzare il mio corpo come veicolo espressivo per interpretare molteplici identità maschili e femminili. Ogni personaggio che rappresento è in realtà creato da una combinazione di elementi sempre differenti: abiti, posture e soprattutto espressioni facciali, utilizzando stereotipi riconoscibili per impersonare le varie identità.” Ombre e Menzogne è il titolo del progetto, poichè, come nel mito della caverna di Platone l’uomo scambia per realtà quella che ne è soltanto una proiezione, in questo progetto chi apparentemente è diverso, è in realtà uguale.
ombre-e-menzogne-01-copiaMe-Nè: “Luoghi mentali”
Costrizioni, trasformazioni, equilibrii. Il progetto artistico di Me-nè si sviluppa verso una vera e propria riduzione dell’essere umano a ciò che intimamente è, e si avvicina all’arte antica sarda in una sorta di primitivismo astratto. L’uomo viene raffigurato nella sua semplicità, nella sua sintesi, nella visualizzazione di quei tratti essenziali che lo definiscono. L’autore propone una semplificazione di ogni aspetto dell’essere umano, fino a disegnare e scolpire non più corpi, ma linee che interagiscono con lo spazio quadrato e cubico che le circonda, le contiene, le costringe e le inghiotte. Nel progetto “Luoghi Mentali” l’essere umano viene rappresentato in tre diverse condizioni (costrizioni, trasformazioni, equilibri), in uno stato di benessere, di disagio e talvolta di totale apatia.
costrizioni-18-copia
Studio Pace10: “album – ricordi in conserva”
Non si tratta di tradizionali fotografie, ma di conserve di ricordi. Conservare significa mantenere un soggetto nell’essere suo, custodirlo, salvaguardarlo da tutto ciò che potrebbe alterarlo o distruggerlo. E’ possibile “conservare” un ricordo per sempre? Esistono “date di scadenza” anche per i nostri ricordi? Riflettendo sui due ambiti della fotografia e della conservazione alimentare, il progetto interroga l’archetipo che si nasconde dietro il gesto di conservare. Vengono tirate fuori dai cassetti e dagli archivi immagini nascoste, ormai dimenticate, dando loro nuova vita in una sorta di “archivio trasparente”, invitando allo stesso tempo a riflettere sull’importanza del ricordo fotografico nell’era digitale, dove una sovrapproduzione di immagini, spesso inutili, sviliscono la fotografia e le tolgono quel ruolo di “testimone” della nostra vita. Immagini mai stampate, intrappolate in hard disk che porteranno ad una desertificazione dei ricordi. O come ha detto Vint Cerf “il XXI secolo sarà un grande buco nero”.

1953-lo-sposalizio-di-iolanda-e-alfredo_bassa-copia

Franco Monari: “e poi verrà la nebbia”
“Questa serie di fotografie nasce da una mia esigenza di ritagliarmi dei momenti nei quali uscire ed in solitudine esplorare il paesaggio per qualche ora. Senza un itinerario programmato e neppure una meta precisa, ma con la sola esigenza di isolamento e di fotografare, torno sempre negli stessi luoghi più e più volte instaurando ormai con essi un legame particolare, un microcosmo personale. L’esplorazione ed il rapporto tra luogo e memoria diventano quindi elementi fondamentali nella formazione di un propria identità. Il paesaggio esplorato è dunque quello nel quale sono nato, cresciuto e nel quale vivo: una parte di pianura padana che si estende dalle campagne della “bassa” alla riva destra del fiume Po. Per distinguere le diverse aree del paesaggio, ho adottato un effetto cromatico differente per ciascuna area: partendo dalla campagna dove ho usato un filtro giallo, man mano che mi avvicino al fiume le foto virano verso una dominante rossa ed infine verde. Le fotografie, stampate su tela, sono successivamente ritoccate a mano con colori a olio o smalto.”
franco_monari_04-copia
Organizzazione
MassenzioArte
(Roma) promuove e realizza concorsi internazionali e manifestazioni d’arte contemporanea in tutte le sue forme, dal video alla scultura. www.massenzioarte.it
PhotoGallery (Firenze) è una galleria virtuale dedicata alla fotografia di ricerca, attiva dal 1998. L’art-director è il giornalista fiorentino Francesco Tei. www.photogallery.it
Visiva (Roma) è una società di servizi culturali costruita su modello internazionale, una realtà sociale che produce e promuove la cultura a 360° attraverso l’ideazione di nuovi format artistici, culturali e formativi. www.visiva.info
Partner
Media Partner
: Photographers.it www.photographers.it, Associazione Culturale Deaphoto http://www.deaphoto.it, Il Fotografo www.sprea.it.
Partner tecnici:TDE Trasporti Dedicati Espressi, Domenico Di Bona www.domenicodibona.com
Partner istituzionali: Assessorato alle Attività Culturali di Venezia, Centro Culturale Candiani Venezia-Mestre
SCARICA IL COMUNICATO STAMPA
INFO
Confini 14 – Fotografia Contemporanea
Autori
: Carmen Decembrino, Me Né, Franco Monari, Studio Pace10, Silvia Zanasi
Direttore artistico: Maurizio Chelucci
Inaugurazione 26 gennaio 2017 ore 18.30
Tibaldi Arte Contemporanea
Via Panfilo Castaldi 18 – Roma
Dal 26 gennaio al 12 febbraio 2017
Orari: tutti i  giorni 16.00 – 21.00
Tibaldi Arte Contemporanea – Roberto Tibaldi
Direzione artistica e comunicazione: Michela Becchis – Roberta Melasecca
Via Panfilo Castaldi 18 – Roma
tibaldiartecontemporanea.com –  r.s.tibaldi@gmail.com
MassenzioArte
Via del Commercio 12 – Roma
www.massenzioarte.it –  massenzioarte@massenzioarte.it
Visiva
Via Fanfulla da Lodi, 1C – Roma
www.visiva.info  – info@visiva.info
Confini14
www.confini.eu    www.photogallery.it
confinifotografiacontemporanea@gmail.com
PRESS OFFICE
Visiva
Auronda Scalera
3480380883  info@visiva.info
Tibaldi Arte Contemporanea
Roberta Melasecca
3494945612 roberta.melasecca@gmail.com
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...